Storia del Fan Club Valentino Rossi

Da sempre la passione per il motociclismo ha accompagnato  gli abitanti di Tavullia che, capitanati da “Checco” Fratesi ( padre di Flavio), raggiungevano in massa i circuiti di tutt’Italia e mezza Europa per vivere le sfide dei più grandi centauri di tutti i tempi. Divisi solo dal tifo per il proprio pilota preferito, tutto finiva sempre in festa, con salame e sangiovese, ad omaggiare la forte passione per le moto. E’ probabilmente  in questo goliardico modo di vivere le corse che si trovano le radici dello spirito del Fan Club. Già prima di approdare al motomondiale Valentino era seguito in Italia ed in Europa da un gruppo di “fedelissimi” capitanati da Cesarino, attuale presidente del Fan Club e padre di Uccio, il miglior amico di Vale. Questo gruppo di ragazzi, affiatati e uniti dall’amicizia e dalla stessa passione per le corse, rappresenta il cuore e l’anima dell’attuale Fan Club, quello “zoccolo duro” sempre congiunto e compatto. Inizialmente si presentano come “Supporters Tavullia” ed incominciano presto ad animare in modo originale e simpatico le varie trasferte. Si stampano anche le prime maglie, si sventolano le prime bandiere e dalle risate e festeggiamenti nascono i primi spunti teatrali, incoraggiati dallo stesso Valentino che, con la sua innata qualità comunicativa e vocazione per lo spettacolo, riesce a tradurre in divertenti personaggi le più inverosimili e fantasiose trovate della comitiva.

fan1

fan-club-rossi

Nel giro di poco tempo quella “macchia umana” di colore giallo, giallo come il sole, partita dalla collina della Rivazza a Imola e dalla Casanova-Savelli al Mugello, si è ingrandita sempre più fino ad arrivare su tutti i circuiti del motomondiale per sostenere Vale e condividere con lui tutti i momenti di gioia, esultanza, ma anche di apprensione e trepidazione. Valentino poi ne ha fatta di strada e con lui anche i Supporters Tavullia che nel 1997 decidono di costituirsi dando vita all’attuale “ Official Fan Club Valentino Rossi Tavullia” ponendo come prerogativa la promessa di non cambiare lo spirito del proprio modo di operare, caratterizzato dall’amicizia, il divertimento, il disinteresse, la solidarietà.
In questi anni non si sono dimenticati di coloro che sono stati meno fortunati e segnati dalla sofferenza. Consapevoli della felicità che può regalare un autografo di Valentino, una maglia o un cappellino, si sono recati nelle scuole e negli ospedali con l’intento di offrire qualche sorriso e momenti di contentezza a chi sta male. Il Club conta oltre 6000 soci ogni anno, ed oltre agli italiani in tanti si iscrivono pur abitando dall’altra parte del mondo. Ci sono Francesi, Tedeschi, Spagnoli, Svizzeri, Olandesi, Australiani, Cubani, Russi, Giapponesi, Siberiani ed Etiopi. Coloro che si mettono in contatto con il Fan Club finiscono per diventare parte di questa grande famiglia ed ogni anno puntualmente manifestano il proprio affetto rinnovando l’iscrizione e riconfermandosi membri ufficiali.